La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Enna. Dal 1413 immutato il percorso della processione da “Madonna a muntata”, lo indicarono 25 colombe

    Pubblicato il Luglio 14th, 2018 Max Nessun commento

    Una cartolina degli anni ’30 di Montesalvo e di via Flora

    Salvatore Presti

    La statua di Maria SS. della Visitazione, dopo due settimane di permanenza, di vari riti religiosi e pellegrinaggi, rientra al Duomo dall’Eremo di Montesalvo.

    Rispetto al percorso della processione del 2 luglio vi è, da tempo immemorabile, una sostanziale differenza. Infatti la processione, detta da “Madonna a muntata”, per raggiungere Piazza S. Tommaso percorre la parte della città del quartiere “Monte”. Fino ai primi decenni del Novecento era suggestivo vedere passare la Madonna, nel suo fercolo dorato, tra vaste aree verdi, l’antica via Flora (o di Montesalvo) con gli alberi ai lati e in terra battuta (nella foto).

    Maria SS. della Visitazione

    L’urbanizzazione della vasta zona, con la nascita dei primi edifici (ex Distretto Militare, ex GIL, Palazzo INCIS e l’Edificio scolastico E. De Amicis) – costruiti a partire dal 1926, dopo che Enna fu elevata a capoluogo di provincia – ha avuto il suo epilogo con la saturazione di tutte le aree libere, tra gli anni ’70 e ’80 del secolo scorso. Riguardo il secolare e sempre immutato percorso, “la leggenda vuole – scrive Salvatore Morgana in un suo opuscolo dal titolo ‘Maria SS. della Visitazione, Patrona Populi Hennensis’ – che per decidere le vie da percorrere dell’andata e del ritorno, i dignitari della Chiesa Maggiore (Matrice), il 30 giugno 1413, portarono ai piedi del Santo Simulacro 25 colombe, quindi aprirono le gabbie ove erano rinchiuse. Le colombe uscirono dal Tempio e volarono, indicando alle guardie scaglionate in ogni dove, il duplice tragitto che divenne così l’itinerario della grande processione. Tale circostanza – afferma il Morgana – si legge tra le carte del notaro Battalione”.

    Foto d’epoca da “Madonna a muntata”

    Fino agli anni ‘20 tutta la zona compresa tra il “Pianoro di Montesalvo” fino alla “Selva dei Cappuccini” (cimitero), incluso il Parco della Torre di Federico, l’area occupata dal Campo Sportivo, la vasta zona adiacente il quadrivio, l’ex boschetto del ‘Macello’, il colle delle Muse e di Mulino a Vento, era un unicum che formava un grandioso prato verde, in gran parte incolto, ma con all’interno vaste aree boschive (le Selve di Montesalvo e dei Cappuccini), insomma un grande polmone verde di circa 40 ettari. La processione del 15 luglio ha inizio come sempre dalla Chiesa/Convento dei francescani riformati, lambisce piazza Europa imbocca via IV Novembre, quindi via Liberta, via Roma bassa (‘u passu Signuri), piazza S. Tommaso, crocevia con il percorso del 2 luglio (via Mercato, Abbatiella, passo a Madonna ‘a Mola, via Montesalvo). La Madonna, giunta a San Tommaso, riprende la strada della tradizione, attraversa Piazza Balata, via Roma alta e quindi rientra al Duomo.

    Lascia un commento