La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Enna crisi comunale risolta. Riscoppia l’amore fra il centrodestra e il Pd di Renzi

    Pubblicato il agosto 1st, 2017 Max 1 commento

    foto Angelo Cappa

    Paolo Di Marco

    Tre mesi fa i pesci in faccia oggi amore a tutto spiano e voglia di indicare nuove strade a Roma e Palermo.

    Non è una coppia che si risposa e che parte per il secondo viaggio di nozze ma sono centrodestra e Pd renziano, quello del sindaco Maurizio Dipietro, che si sono rimessi assieme di nuovo. E’ amore, passione, goduria o conti politici ed elettorali? Il tempo è galantuomo e dice sempre la verità. Per adesso il nuovo che avanza a spron battuto è un accordo politico siglato fra le liste di espressione di centrodestra, Amare Enna ed Enna rinasce insieme al sindaco Dipietro che rappresenta il Pd renziano, quello che comanda a Roma. In campagna elettorale questo schieramento venne etichettato come civico adesso con le adesioni a destra e a sinistra trova una sua nuova definizione politica, il nuovo corso che avanza. Qualcuno potrebbe anche prendere a prestito termini di berlusconiana memoria: inciucio. Ad ognuno la propria valutazione. Notizie dell’accordo sono state date questo pomeriggio in una conferenza stampa tenuta dai consiglieri e dirigenti di centrodestra all’hotel Federico II°.

    foto Angelo Cappa

    Per andare sul concreto la soluzione della crisi è definita con un accordo centrosinistra centrodestra. Alla prima coalizione sindaco e tre assessori, alla seconda vicesindaco e tre assessori. E Sicilia futura con il vicesindaco uscente Angelo Girasole cosa fa? Per il momento nessuna notizia ma è senz’altro una bella gatta da pelare considerato che Girasole e i suoi sono i renziani della prima ora. A certificare che è stato un accordo voluto dai consiglieri al Federico II° hanno tenuto banco Francesco Comito, Giuseppina Firrantello, Biagio Scillia, Dante Ferrari e Gaetana Palermo. Presenti pure Paolo Colianni, Ugo Grimaldi, Mario Salamone e Giampiero Cortese. Si dirà un giro di poltrone che conferma di cosa è fatta la politica. Quasi uno spot regalato ai 5 stelle. Ma questa volta tutti avevano fatto passi in avanti troppo sostanziosi per sconfessare l’altra parte, poi d’incanto il sindaco Dipietro non si deve più dimettere e consiglieri e assessori, quelli bocciati pochi mesi fa, tornano di nuovo ad essere buoni anzi ottimo. E’ dura a darsi una spiegazione ma è così. Il centrodestra afferma con forza che l’accordo è stato trovato grazie ad una soluzione mistica, che guarda alla trinità: “Dialogo, Comunicazione e Progetto per la città”. Non solo ma risponde pure alla pari dignità dei competitor politici. Di certo questa è una soluzione più unica che rara con un sindaco renziano che lascia fuori dall’accordo 14 consiglieri Pd e che stringe la mano a berlusconiani e lombardiani adesso senza neppure la casacca dell’esperienza civica. E dire che qualche giorno fa c’era chi agitava la bandiera della coerenza, l’avrà persa di vista nelle ultime ore. Quella trovata sarà pure la soluzione di tutti i problemi ma è senz’altro difficile da digerire. Intanto il M5S presenta la mozione di sfiducia, il coordinatore comunale del Pd Vittorio Di Gangi tiene pronta in un cassetto un’altra mozione con 14 firme e Sicilia futura probabilmente non stapperà lo spumante per l’ultimo accordo trovato.

     

    1 responses to “Enna crisi comunale risolta. Riscoppia l’amore fra il centrodestra e il Pd di Renzi” Icona RSS


    Lascia un commento