La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Educazione ambientale a Pergusa

    Pubblicato il Giugno 12th, 2012 Max Nessun commento

    di Libero
    Gli alunni della Scuola S. Chiara di Enna, in visita presso la Riserva Naturale Speciale del lago di Pergusa, hanno assistito con grande entusiasmo alle attività di inanellamento che nei giorni scorsi si sono svolti in Riserva. L’attività di ricerca sui volatili, sostenuta dall’Ente Gestore la Provincia Regionale di Enna, sono state svolte da Giovanni Cumbo, della Stazione di Inanellamento di Palermo, e dalla biologa della Kore Rosa Termine. Sono stati inanellati numerosi individui appartenenti a diverse specie quali Cannaiola, Cannareccione, Tarabusino, Cinciallegra, Passera sarda, Usignolo di fiume, etc..

    La specie più inanellata è stata la Cannaiola che assieme al Cannareccione sono arrivati dall’Africa per venire a nidificare a Pergusa; sono uccelli tipici del canneto che normalmente non si fanno vedere ma solo sentire e che l’attività di inanellamento consente di osservare da vicino. Molte cannaiole avevano già la “placca incubatrice”, segnale che sono già in cova; infatti in alcuni uccelli che covano, nella zona ventrale, la pelle si assottiglia, perde le piume e la temperatura è più elevata. I bambini si sono molto entusiasmati nel vedere il Tarabusino, piccolo airone, che a Pergusa viene a nidificare in estate ed arriva anch’esso dall’Africa.

    Agli alunni è stato spiegato che l’attività di inanellamento oltre a consentire di conoscere la fauna ornitica del posto, permette di definirne le rotte di migrazione ed identificarne le aree di sosta. Inoltre, dalle ricatture degli uccelli già inanellati scaturiscono altre indicazioni rappresentate dai parametri di popolazione (ad esempio stime di sopravvivenza, successo riproduttivo ecc.), che risultano essenziali per determinare i motivi delle variazioni numeriche all’interno delle popolazioni stesse.

    Le altre specie che gli alunni hanno potuto osservare sono: Folaghe, Gallinelle d’acqua, Svassi maggiore, Moriglioni ed lo spettacolare rapace Nibbio bruno.

    Lascia un commento