La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Detenuto in semilibertà…sfiorata la tragedia!

    Pubblicato il ottobre 4th, 2007 Max Nessun commento

    di Libero
    L’A.D.P., sindacato della Polizia di Stato, esprime sconcerto e preoccupazione per quanto accaduto a Siena. Cristoforo Piancone, ex militante delle Brigate Rosse, condannato all’ergastolo per concorso in vari omicidi ma attualmente in semilibertà, è stato arrestato durante una rapina in banca al Monte dei Paschi di Siena.


    Piancone, insieme ad un complice, è entrato a volto parzialmente coperto nell’istituto bancario, minacciando i dipendenti con le pistole, ed i due si sono fatti consegnare 170mila euro. Subito dopo, è scattato l’allarme e l’inseguimento per le vie della città. Piancone, braccato dalla Polizia non ha esitato a sparare, ma la pistola si sarebbe inceppata. I poliziotti hanno sparato un colpo a scopo intimidatorio, e a quel punto si è arreso. Si è sfiorata la tragedia e, se non è successo il peggio è stato, a parere dell’A.D.P., solo per mera fortuna! Ma se fosse successo il peggio, cosa avremo raccontato alle famiglie degli agenti? Il ministro della Giustizia Clemente Mastella si è detto pronto a ridiscutere la legge Gozzini? Ancora una volta a nostro avviso si è premiato un criminale pericoloso. Cristoforo Piancone è stato condannato all’ergastolo per concorso in sei omicidi e partecipó anche all’assassinio del Maresciallo di Polizia Rosario Berardi, avvenuto il 10 marzo 1978, NON SI È MAI PENTITO!
    A giudizio dell’A.D.P., i delinquenti devono scontare la loro pena in carcere, basta con i soliti sconti, è in gioco la pelle dei cittadini, premiare questi criminali a nostro avviso è uno schiaffo alla legalità, per costoro deve esistere solo il regime del carcere duro ove devono scontare interamente la pena. Ci troviamo, purtroppo, nuovamente a riflettere, ma come noi farebbero bene a riflettere taluni signori che occupano posti di potere fino al punto da rendersi conto che per i criminali incalliti non devono esistere trattamenti privilegiati come nei casi di specie!!!

    Lascia un commento