La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Democrazia partecipata. L’assessore Luisa Lantieri dà il via libera

    Pubblicato il marzo 16th, 2017 Max Nessun commento

    Luisa Lantieri

    L’assessore regionale agli Enti locali Luisa Lantieri ha dato il via libera alla circolare attuativa che consente ai Comuni di riservare almeno il 2% del bilancio di previsione di parte corrente dei finanziamenti ottenuti dalla Regione.

    Questa percentuale deve essere destinata a spese indicate dai cittadini per dare corpo alla cosiddetta democrazia partecipata. Gli uffici dell’assessorato regionale, dal canto loro, con una circolare emanata nei giorni scorsi hanno completato l’intero quadro normativo così come previsto dalla legge regionale 5/2014. “Con questa circolare consentiamo alle amministrazioni comunali di avviare – dice Luisa Lantieri – una procedura gestionale che permette di interagire con i cittadini. Questi ultimi hanno quindi la possibilità di scegliere la destinazione di spesa del 2% del bilancio”. Dopo le autorizzazioni della Regione la palla passa alle singole amministrazioni comunali che dovranno dare esecuzione al disposto normativo. E non potranno prendere sottogamba tale indicazione considerando che quest’anno le amministrazioni che nel passato bilancio non si sono adeguate alle disposizioni di democrazia partecipata hanno dovuto pagare multe fino alla compensazione del 2 %. La circolare della Lantieri precisa quali sono le fasi prescritte per attuare tali forme di democrazia partecipata. Prioritariamente i Comuni devono individuare la modalità per il coinvolgimento della cittadinanza, al fine di acquisirne la volontà in ordine alla destinazione del 2% dell’assegnazione regionale. Devono poi tenere conto della indicazione fornita dalla cittadinanza, nella predisposizione del bilancio comunale, provvedendo ove necessario alle relative variazioni. Infine hanno l’obbligo di realizzare la finalità di spesa individuata con il coinvolgimento della cittadinanza adottando i relativi atti gestionali. Ma prima è necessario, che il consiglio comunale provveda ad adottare appositi provvedimenti per l’istituzione ed il funzionamento della partecipazione.

    Lascia un commento