La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Crisi comunale. Prioritario l’incontro con Sicilia Futura?

    Pubblicato il marzo 19th, 2017 Max Nessun commento

    Maurizio Dipietro

    Settimana importante per la definizione della crisi comunale. Una crisi anomala che non ha registrato dichiarazioni su dichiarazioni come sovente è avvenuto in passato. L’intero mondo politico cittadino è in attesa della prima mossa del sindaco Maurizio Dipietro.

    Leggendo i suoi passi il primo cittadino si è preso una settimana per capire e analizzare ciò che avviene dentro e fuori il palazzo. Nella settimana che entra dovrà necessariamente iniziare la ricucitura della tela, sempre se sarà possibile. Dietro l’angolo c’è la possibilità che il primo cittadino apra il cassetto e prenda una tela nuova di zecca intuendo che la precedente è talmente piena di buchi che rattopparla è un lavoro vano. Il primo passo, probabilmente verrà fatto con gli attuali alleati di Sicilia Futura. A Sala d’Euno, nella seduta del dibattito politico, Dipietro è stato chiaro: “Il 31 marzo per me non è una scadenza politica”. Quindi i bene informati sostengono che il sindaco vuole capire se per il partito di Rino Agnello il rapporto con il Pd è una scelta prioritaria a prescindere da ogni altro discorso o invece se per Sicilia Futura, come per Dipietro, il programma elettorale e la metodologia adottata continuano ad essere la stella polare per l’amministrazione. Nel primo caso probabilmente il sindaco non attenderà neppure il 31 marzo per l’approvazione del bilancio e metterà fine a questa esperienza in anticipo. L’ipotesi è una giunta tecnica o del sindaco per arrivare alla sfida della mozione. Se invece programma e metodologia ancora tengono il rapporto fra Sicilia Futura e sindaco continua e si potrà anche consolidare. Per Dipietro il bilancio di previsione e la sua scadenza non sarebbero uno spauracchio considerato che ormai il documento contabile è quasi pronto e che sicuramente la giunta lo adotterà entro la scadenza. Sarà poi compito del consiglio votarlo. Quindi primo passo un colloquio franco con Sicilia Futura, dal risultato emergerà la strategia conseguente.

    Lascia un commento