La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Cracolici: “L’Esa a sostegno dei Comuni per la forestazione”. Protocolli d’intesa entro il 30 aprile

    Pubblicato il marzo 16th, 2017 Max Nessun commento

     

    Antonello Cracolici

    L’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici comunica che sono state “avviate le attività di assistenza tecnica dell’Esa per i comuni interessati agli investimenti sul sostegno alla forestazione, finanziati dal Psr”.

    Precisa inoltre che “le risorse messe a disposizione dall’Ue per le sottomisure 8.1, 8.3 e 8.4, dedicate all’imboschimento, alla prevenzione dalle calamità naturali e al ripristino delle foreste danneggiate da eventi calamitosi, ammontano rispettivamente a 70 milioni, 56 milioni e 16 milioni di euro, per l’intero periodo di programmazione”. L’assessore è fiducioso per il percorso intrapreso: “Stiamo lavorando per valorizzare al meglio le competenze dell’Ente sviluppo agricolo al fine di aiutare gli enti locali ad approfittare delle opportunità offerte dalla nuova programmazione comunitaria. Con il bando sulla viabilità rurale, i comuni che hanno richiesto l’assistenza dell’Esa sono stati seguiti passo dopo passo durante tutto l’iter di progettazione e di partecipazione al bando. Adesso l’Esa è pronta a fare la stessa cosa con gli investimenti sulla forestazione. Innovazione, ricerca, sostegno alle amministrazioni comunali e alle aziende agricole, tutela del patrimonio rurale, rappresentano la missione di questo ente che oggi più che mai può ricoprire un ruolo strategico per la Sicilia”.

    Fabio Marino

    “Metteremo a disposizione dei comuni siciliani – aggiunge il direttore generale dell’Esa Fabio Marino – personale qualificato per assistere le amministrazioni nell’individuazione delle aree suscettibili di intervento e predisporre le progettazioni necessarie. Nei giorni scorsi è stato pubblicato un avviso esplorativo. I comuni interessati avranno tempo fino al 30 aprile per manifestare la propria disponibilità a sottoscrivere un protocollo d’intesa con l’Esa”.

     

     

    Lascia un commento