La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • “Così finisce lo Stato di Diritto”

    Pubblicato il ottobre 20th, 2007 Max 4 commenti

    Luigi De Magistris – Magistrato di Catanzaro

     

    4 responses to ““Così finisce lo Stato di Diritto”” Icona RSS

    • Il torto di De Magistris è quello di avere iscritto nel registro degli indagati Prodi e Mastella.

    • Sono di sinistra e la premessa mi serve solo per una considerazione. Se tutto questo accadeva durante il governo Berlusconi come minimo si gridava al Golpe, al colpo di stato.
      Così è la fine dello stato di diritto.

    • DOMENICA IN CASA
      ho visto i miei nipotini troppo tranquilli, e allora mi sono preoccupato . . .e sono andato a cercarli. Li ho sorpresi tutti seduti per terra attorno al televisore a vedere una vecchia cassetta: “Roky 2” mi sembra, e tranquillizzatomi sono tornato nella mia stanza. Paradossalmente ho ripensato anche io a quel film, e spontaneamente mi è venuto il paragone a quanto talvolta succede ad Enna, in certe situazioni. (inconsapevolmente mi rifacevo all’articolo del giornale La Sicilia, letto l’altro ieri), ho considerato che certe istituzioni politicizzate, si comportano proprio come un pugile suonato, nonostante al tappeto dopo una gragnuola di colpi, mossi forse dall’orgoglio o dal semplice autoconvincimento di essere il più forte, si sottopone a una nuova offensiva, in maniera incosciente ed autolesionista. Mi direte che ancora non avete trovato il filo di questo ragionamento. E non avete torto. Mi spiego subito: è stato riferito che nell’ultima riunione del CdA di ATO rifiuti, era stato eletto il nuovo CdA, in sostituzione di quello dimissionario, composto da alcuni Sindaci, ed a comporre il nuovo sono altri tre Sindaci. Ma di comuni diversi direte voi! Si ma cosa cambia? Forse sono stati individuati quelli che posseggono la bacchetta magica o chissà quali poteri speciali? In una situazione nella quale versa l’ATO oggi, non credo possano esserci altri rimedi se non il K.O. tecnico. Inutile girarci intorno, sarebbero ulteriori messe al tappeto, conteggi e poi inesorabilmente il fuori combattimento per K.O. quello senza scampo. E’ a questo che si vuole arrivare? In Bocca al Lupo allora. A noi non resta che assistere ad un cruento combattimento. Nel passaggio dal leninismo al kennedismo c’è un romanzo di formazione che queste scarne parole lasciano intuire. Scusatemi se per l’ennesima volta vi ho annoiato terribilmente. Non appena avvertirò un minimo segno di cedimento, butterò la spugna. E se non sarò io ci sarà sempre il mio allenatore a buttare la tovaglia da dietro le corde. Alla mia pelle ci tengono soprattutto i miei nipotini. Si dice che nella vita ci sono sette anni di vacche grasse e sette di vacche magre. I miei ultimi anni sono quelli delle vacche magre, dell’involuzione verso il leninismo.Che tristezza.

    • Mi viene in mente un vecchio ma sempre più di reale applicazione, anche se utilizzato da apparenti ambienti diversi: O CON ME O CONTRO DI ME!
      E c’è pure chi paga per dare un voto… VERGOGNA!


    Lascia un commento