La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • “Con il ponte passerò alla storia”

    Pubblicato il giugno 5th, 2008 Max 1 commento


    Creative Commons License photo credit: AleBonvini

    Silvio Berlusconi – Presidente del Consiglio

     

    1 responses to ““Con il ponte passerò alla storia”” Icona RSS

    • A proposito di giustizia, non Vi sembra che la classe politica non essendo stata capace, in questo campo, di riformare tutto il sistema giudiziario, abbia dato la sensazione di incapacità o peggio di paura dalla CASTA DEI GIUDICI?
      In tanti hanno parlato di Casta, riferendosi a quella categoria di uomini che della politica ne hanno fatto mestiere. Pochi si soffermano a considerare l’altra “Casta” anche essa discutibile quanto quella dei politici, ed è quella dei Giudici o dei MAGISTRATI (come amano farsi chiamare) quei signori che, protetti da una corporazione che li sostiene e difende oltre ogni ragionevole motivazione, gode di privilegi non comuni ai mortali esseri umani: stipendi di tutto rispetto; tanto è vero che i parlamentari aumentano i loro, in conseguenza di quelli dei magistrati. Qualcuno sostiene che debbano essere pagati molto bene per evitare loro qualsiasi tentazione di corruttela(!) . . . . Ma un dipendente dello stato, così abbondantemente retribuito, non dovrebbe produrre un lavoro altrettanto munifico di risultati? Assistiamo invece a notizie che fanno rabbrividire; ad esempio: un pericoloso mafioso viene messo in libertà sol perché a sei anni dalla sua carcerazione non è ancora stata depositata la sentenza di condanna. . (il record è stato subito battuto da un altro giudice che di anni ne ha impiegati OTTO). . e così per il pedofilo di Agrigento e per tanti altri casi di cui nessuno parla e nessuno ne paga le conseguenze. La loro difesa è quella di non avere “MEZZI” sufficienti per lavorare….. come se per scrivere una sentenza chissà quali mezzi occorrano. La carta? Il PC e la stampante? Ma siamo seri, chiunque (in altri tempi) li avrebbe approntati di persona, magari portandosi a casa il lavoro per eseguirlo con mezzi propri. (ma quelli erano altri tempi direte voi). E’ vero.
      Ed è vero anche che in una qualsiasi impresa privata, un dirigente tanto inefficiente sarebbe stato mandato a casa in malo modo. I magistrati non solo non pagano, (meriterebbero solo di andare a lavorare la terra),ma guai a criticarli! E se proprio dovesse andar male, state sicuri, diventeranno parlamentari (con lo stesso merito finanziario e forse qualcosa in più).
      Oggi su tutti i mezzi di informazione è diffusa la notizia del discorso di Berlusconi su un tema scottante: il super potere dei giudici. Tutti abbiamo assistito al fatto di come il “potere giudiziario” si sia accanito contro Berlusconi sin dal suo primo avvio politico, e come tale interesse abbia portato a spese enormi e risultati nulli è agli occhi di tutti.
      Non a caso Berlusconi ha inveito contro questo potere definendolo addirittura come “una metastasi per la democrazia”. Ma aldilà della terminologia usata, una cosa è certa: stanno facendo di tutto per togliere dalla scena un uomo politico che fa veramente paura (a loro sinistrorsi). Il loro corrivo comportamento è tanto palese che sarebbe veramente stupido non accorgersene.
      Immaginate cosa succederebbe se un “potere forte” come quello della magistratura prendesse le redini di governo? (magari con un Di Pietro Presidente)!!! Questa è la deriva che effettivamente incute terrore. Altro che il potere mediatico di un Berlusconi Presidente del consiglio (con tutti i suoi conflitti d’interesse che agli italiani non fregano niente). Siamo agli inizi di una nuova legislatura che con il “Dialogo” avrebbe voluto risolvere i problemi di una nazione che langue e che la sinistra si diverte a far apparire nel contesto internazionale come una “cenerentola” scordandosi che per questa visione hanno tanta responsabilità.


    Lascia un commento