La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Colpo di coda all’Università Kore di Enna. Salerno e Puglisi riconfermati nelle rispettive cariche

    Pubblicato il Aprile 5th, 2016 Max Nessun commento

    da ViviEnna.it

    Con la pubblicazione nella gazzetta ufficiale n. 53 del 4 marzo 2016 del nuovo Statuto della libera Università Kore di Enna si apre una nuova stagione di governance dell’ateneo ennese, che vede la riconferma delle figure apicali. Viene infatti riconfermato Cataldo Salerno alla carica di Presidente dell’UKE e di Giovanni Puglisi alla carica di Rettore. Come ciò sia potuto accadere nel bel mezzo d’indagini giudiziarie e del più incisivo commissariamento della Fondazione Kore è di difficile comprensione per i non addetti ai lavori. Non ci resta che parlarne con Massimo Greco.

    Da quale organo di governo dell’ateneo sono stati riconfermati Salerno e Puglisi?

    Dal Consiglio dei Garanti, un organo di governo dell’Università la cui genesi e composizione è stata rivista dal nuovo statuto dell’UKE.

    Ma queste figure non dovevano essere nominate dalla Fondazione Kore così come, peraltro, ancora illustrato nel sito istituzionale dell’UKE?

    Prima sì, adesso non più, con quest’ultima modifica l’Università Kore si è definitivamente emancipata dalla Fondazione Kore e non solo sotto il profilo della governance ma anche sotto l’aspetto fondamentale delle risorse finanziarie. L’Università Kore avrà autonomia politica (in senso decisionale), amministrativa, contabile, e soprattutto finanziaria.

    sembra una risposta al commissariamento della Fondazione, ma non ci sono organi di controllo che hanno approvato tali modifiche statutarie?

    Assolutamente sì, il nuovo statuto dell’UKE è stato sottoposto al controllo di legittimità e di merito del competente Ministero dell’Università. E le osservazioni da questo formulate sono state recepite integralmente prima della pubblicazione nella GURI.

    A questo punto sorgono spontanee alcune riflessioni, che ruolo avrà la commissariata Fondazione Kore?

    All’interno della Libera Università Kore non potrà più avere alcun ruolo, ma poiché vi sono delle pendenze finanziarie da gestire i tre commissari prefettizi, verosimilmente, avranno una funzione liquidatrice.

    Ma se la Fondazione Kore ha finito il suo compito, che senso avrà il ritorno dei Comuni al Consorzio Ennese Universitario?

    Sotto l’aspetto formale se non vi è più alcun collegamento funzionale tra la Fondazione e l’Università a maggior ragione non vi potrà più essere collegamento col socio unico fondatore rappresentato dal CEU. L’aspetto politico rimane certamente un problema la cui soluzione, però, non può trovare sussidiariamente sede in contesti (giudiziari) diversi da quelli propri della politica. Ritornando a Montesquieu e alla sua separazione dei poteri, ognuno deve fare ciò per cui è delegato. Pertanto, questioni a carattere politico vanno affrontate con i tradizionali strumenti della politica.

    Lascia un commento