La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Cisl, Croce rossa, Caritas e Ferderfarma insieme per l’apertura di un Poliambulatorio medico-infermieristico gratuito

    Pubblicato il Gen 7th, 2018 Max Nessun commento

    Si terrà a Enna, il prossimo martedì 9 gennaio, alle ore 10,30, presso la sede della Croce Rossa, in via Legnano n. 22 bis, la conferenza stampa in occasione della sottoscrizione del Protocollo d’Intesa per l’apertura di un Poliambulatorio medico-infermieristico gratuito.

    Il progetto nasce dalla sinergia tra la Cisl, la Croce Rossa, la Cisl Medici, la Caritas Diocesana e la federazione Federfarma di Enna. Le parti aderiscono al Protocollo nell’assoluta convinzione che la salvaguardia della salute è una cosa importantissima e ricevere delle cure è un diritto che non dovrebbe essere negato a nessuno. Si tratta, infatti, di un servizio di assistenza gratuita rivolto alle persone che si trovano in stato di svantaggio sociale e che si realizza attraverso prestazioni mediche e infermieristiche da parte di medici e figure sanitarie specializzate, che offriranno gratuitamente la loro professionalità. L’attenzione è dunque verso nuclei famigliari, stranieri, persone fisiche che si trovano in una situazione di disagio sociale ed economico.

    All’iniziativa saranno presenti il Segretario territoriale Cisl Agrigento Caltanissetta Enna, Carmela Petralia e il Segretario Generale Cisl Agrigento Caltanissetta Enna, Emanuele Gallo, il Presidente della Croce Rossa di Enna, Antonino Insinga, il Vice Presidente, Mario Petralia e la Responsabile Area sanitaria, Emilia Lo Giudice, il Vescovo di Piazza Armerina, Mons. Rosario Gisana, il Presidente Federfarma Enna, Giorgio Scollo, il Segretario Generale Cisl Medici Agrigento Caltanissetta Enna, Paolo La Paglia e i vertici regionali della Cisl, Domenico Milazzo e della Croce Rossa, Luigi Corsaro.

    Solidarietà e volontariato saranno dunque il filo conduttore di questa importante iniziativa che si muove nella direzione di valorizzazione e riscatto del territorio ennese, che purtroppo, soprattutto negli ultimi anni risente sempre di più dello stato crescente di povertà.

    Lascia un commento