La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Cimitero chiuso il giovedì mattina. Venerdì scorso un cittadino ha occupato pacificamente gli uffici comunali per protestare contro la lentezza del trasferimento delle salme.

    Pubblicato il Febbraio 7th, 2017 Max Nessun commento

    Il sindaco di Enna Maurizio Dipietro con una propria ordinanza ha stabilito la chiusura, al pubblico, del cimitero comunale tutti i giovedì dalle 7 alle 13. La decisione è stata presa per motivi di igiene e sanità pubblica considerato che nelle ore appena segnalate saranno eseguite operazioni di estumulazione straordinarie, esumazioni e trasferimento di salme.

    Il provvedimento sarà efficace da domani giovedì 9 febbraio fino al prossimo 30 aprile. Considerato la delicatezza delle operazioni da eseguire è sembrato opportuno al primo cittadino di interdire l’accesso del pubblico al cimitero nelle giornate in cui avvengono dette operazioni. Intanto venerdì scorso al Comune la protesta di un cittadino, Edoardo Leanza, che da tempo chiede una estumulazione, il trasferimento della salma della moglie da una tomba all’altra. Ma pare che le difficoltà siano insormontabili visto le numerose volte che lo stesso Leanza si è dovuto recare negli uffici di piazza Coppola per sostenere la propria richiesta. La risposta sempre la stessa, manca il personale idoneo e quindi nulla da fare. La rabbia di Leanza è stata forte poiché ha pagato ed ottenuto un loculo dove poter spostare la moglie deceduta a metà novembre. Infatti in questi mesi la salma ha trovato ospitalità nella tomba di un amico. A questo punto ha detto basta e si è seduto negli uffici comunali occupandoli pacificamente. Ha pure chiamato il suo avvocato per ottenere un servizio che il Comune dovrebbe effettuare velocemente. Alla fine, dopo l’intervento di un vigile urbano, il signor Leanza si è convinto ed ha lasciato gli uffici. Il Cimitero però continua ad essere dentro l’occhio del ciclone poichè le assegnazioni dei terreni in concessione ai richiedenti vanno a rilento ed oggi la lista di attesa conta circa 300 domande.

    Lascia un commento