La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Anarchìa pubblicitaria

    Pubblicato il marzo 26th, 2008 Max 5 commenti

    di esprimity

    saluti-da-enna_2.jpg

     

    4 responses to “Anarchìa pubblicitaria” Icona RSS

    • Forse Esprimity non conosce l’istituto regionale di tutela dei beni culturali ad Enna. Si chiama Soprintendenza ai Beni culturali ed Ambientali. Pare che questo istituto possa occuparsi anche di questo. Pertanto anzichè Esprimity fare solo “curtiglio” di bassa lega denunci il tutto alle istituzioni preposte. Se già lo ha fatto sicuramente avrebbe fatto quello che ogni cittadino dovrebbe fare.

      Biscari

    • Grazie Biscari, la cartolina ha sortito uno degli effetti sperati. Risvegliare l’orgoglio e l’amore per la nostra città ai cittadini a cui non piace chiacchierare nei cortili (o nei blog) e che hanno il coraggio di denunciare o di chiedere agli altri di farlo.
      Senza polemica e senza alcuna presunzione vorrei però dare un consiglio: informati sulle specifiche competenze che gli istituti preposti (Soprintendenza compresa) hanno in relazione alla tutela dei beni culturali e dei centri storici e soprattutto a quali di questi compete il rilascio o il diniego delle concessioni per le affissioni pubblicitarie.
      Esprimity

    • Ma si pensi allo schifo che causano i politici in una propaganda elettorale che oltraggia l’aspetto di ogni città…. Chi li paga gli attacchini??? …. Chi li paga ne è la causa!!

    • Sono sempre in continuo aggiornamento. Da quello che ho letto sulla cartolina pensavo che fosse una denuncia su come vengono utilizzati impropriamente i monumenti in generale e in particolare quello che è oggetto della cartolina. Penso che tra i compiti istituzionali della Soprintendenza non rientra il rilascio delle licenze per la affissione, ma la tutela del bene stesso. Il mio commento era ed è diretto a coloro i quali usano i blog per dire la loro opinione. Mi sembra più giusto denunciare, invece, il fatto all’eventuale organo competente.

      Biscari


    Lascia un commento