La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Camere di commercio. La Regione istituisce un Gruppo di lavoro per creare il Fondo Pensioni

    Pubblicato il marzo 2nd, 2017 Max Nessun commento

    L’assessore Mariella Lo Bello con il presidente della Regione Rosario Crocetta

    La crisi delle Camere di commercio in Sicilia non è stata per nulla superata malgrado la riforma che ha previsto gli accorpamenti.

    Per il momento è stato eletto solo il presidente della Camera di Palermo ed Enna, Alessandro Albanese. Il vero buco nero nei bilanci è costituito dalle pensioni degli ex dipendenti che gravano sui bilanci degli enti camerali. La Regione, e per essa l’assessore alle Attività produttive Mariella Lo Bello, ha ben presente tale problema e per superarlo definitivamente ha firmato settimana scarsa un decreto col quale ha istituito un “Gruppo di Lavoro” così composto : Francesco Raja, dirigente responsabile del Servizio 10 assessorato Attività Produttive, in rappresentanza della Regione a cui vengono altresì attribuiti i compiti di coordinamento; Roberto Rizzo dirigente dell’assessorato Attività Produttive; Vittorio Messina, vice Presidente di Unioncamere; Giuseppe Giannone presidente della Camera di Commercio di Ragusa in rappresentanza delle Camere di commercio; Guido Barcellona segretario generale della Camera di commercio di Caltanissetta in rappresentanza dei segretari generali; Santa Vaccaro segretario generale di Unioncamere Sicilia. Il “Gruppo di Lavoro” procederà alla formalizzazione di una relazione esplicativa tecnico economica che conterrà la quantificazione del fabbisogno complessivo del “Fondo Pensioni” delle Camere di commercio dell’Isola tenuto conto delle risorse esistenti. Inoltre quantificherà l’ammontare del patrimonio immobiliare su proposta tecnica di Unioncamere Sicilia; quantificherà i valori di bilancio delle Aziende Partecipate e delle Aziende Speciali; quantificherà l’ammontare dei servizi aggiuntivi che le Camere di Commercio offrono alla Regione. I lavori del Gruppo potranno avere luogo a maggioranza dei partecipanti e dovranno essere conclusi entro 3 mesi dalla notifica del provvedimento e non danno luogo ad alcun compenso aggiuntivo a carico dell’amministrazione regionale.

    Lascia un commento