La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Cambiali e assegni: aumentano le insolvenze degli italiani

    Pubblicato il settembre 8th, 2009 Max Nessun commento

    di Santo Virga
    Aumentano le insolvenze degli italiani nei primi sei mesi del 2009; il dato emerge da un’analisi effettuata da Unioncamere in base al numero dei protesti rilevati nelle Province del nostro Paese. Di conseguenza, al ritorno dalle ferie, molte famiglie si troveranno davanti il problema relativo ad impegni che non sono stati onorati. Dall’analisi di Unioncamere, infatti, emerge come nel primo semestre di quest’anno ci sia stato un aumento, in termini numerici, del 5,2% dei protesti per un controvalore pari a 2,2 miliardi di euro, che corrisponde in termini di importi ad un rialzo del 12,7% per cambiali, assegni e tratte non onorate. La tendenza dei cittadini italiani, non per scelta, ma a causa delle difficoltà economiche e finanziarie, a non onorare i propri impegni è stata nel primo semestre 2009 costante su tutta la linea. Se infatti nel periodo c’è stata una diminuzione dell’11% circa degli assegni scoperti, di contro, è cresciuto del 10,8% il controvalore medio degli assegni emessi che sono andati a vuoto. Stessa musica anche per le cambiali a vuoto, che tra l’altro sono cresciute nei primi sei mesi di quest’anno sia in termini numerici, sia in termini di controvalore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nel dettaglio, i “pagherò” promessi ma non mantenuti sono cresciuti in termini numerici nei primi sei mesi del 2009 del 15,1% per un controvalore di impegni non onorati che sfiora il miliardo di euro a fronte dei quasi settecento milioni di euro di “pagherò” non onorati nello stesso periodo dello scorso anno.

    Lascia un commento