La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Ars, Commissione Attività produttive. Perino commissario ad acta della Crias per pagare le imprese siciliane

    Pubblicato il ottobre 10th, 2018 Max Nessun commento

    La terza commissione dell’Ars al lavoro

    Questa mattina, nella terza Commissione dell’Ars è stato trattato il tema delle problematiche relative alla Crias, Cassa Regionale per il Credito alle Imprese Artigiane Siciliane. Massima apertura da parte del Presidente, on. Orazio Ragusa e di tutta la Commissione, per l’audizione in merito alle  problematiche  attinenti  al  fondo  di  rotazione  della  C.R.I.A.S.

    Alla presenza del Dirigente generale del Dipartimento regionale delle Attività produttive, Dott. Rosolino Greco, del Direttore generale della C.R.I.A.S, Avv. Lorenza Giardina, e del Vicepresidente, Mario Filippello, si è fatto luce sulla situazione dell’Ente creditizio, con un dato aggiuntivo: è stato nominato il Commissario ad acta, dott. Giovanni Perinoche sarà chiamato a esaminare le istanze di finanziamento in sospeso  e traghettare l’Ente sino alla fusione con l’Ircas in un unico Ente regionale, sottoposto alla vigilanza e al controllo dell’assessore alle Attività produttive e di quello all’Economia. “La questione fondamentale è dare risposte al comparto agricolo e dell’artigianato siciliano, a cominciare dal Fondo di Rotazione, di cruciale importanza per tutto il settore economico locale. Con la nomina del Commissario ad acta si potrà dar seguito a tutte le delibere di finanziamento per tutte le imprese giudicate idonee e che attualmente sono in attesa per la situazione in cui versa la C.R.I.A.S.” Così l’on. Orazio Ragusa, Presidente della Commissioni Attività presso l’Assemblea regionale siciliana. “Il compito della Commissione che presiedo – conclude il Deputato di Forza Italia – è tutelare gli interessi dell’imprenditoria. È per tale motivo che ritengo fondamentale garantire la finalità del Fondo di Rotazione, ovvero uno strumento utile a sostenere il comparto produttivo siciliano”.

    Lascia un commento