La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Approda a San Cataldo “La Storia dell’Arte in Musica” di Sebastiano Occhino

    Pubblicato il marzo 1st, 2017 Max Nessun commento

    Sebastiano Occhino

    Prosegue il tour de “La Storia dell’Arte in Musica”, lo spettacolo multimediale-interattivo con regia e musiche del compositore Sebastiano Occhino che dal 5 al 7 Marzo sarà in scena al Teatro D’Essai La Condotta di San Cataldo (Cl) all’interno del cartellone della stagione teatrale firmata dall’attore Michele Celeste.

    Un vero e proprio evento della durata di tre giorni durante i quali verrà proposto alla cittadinanza ed alle scuole della città di San Cataldo il nuovo progetto artistico del compositore Sebastiano Occhino che tanto interesse sta suscitando in Sicilia e non solo. Il programma dell’evento prevede uno spettacolo rivolto alla cittadinanza in programma domenica 5 Marzo alle ore 19,30 e spettacoli nelle due giornate successive (lunedì 6 e martedì 7 Marzo) a favore degli studenti degli istituti scolastici del comune sancataldese. La Storia dell’Arte in Musica”, si ricorda, è un progetto artistico costituito da ben 134 colonne sonore inedite composte da Sebastiano Occhino e circa tremila opere pittoriche in mostra virtuale, un’incredibile impresa artistica che non ha eguali al mondo. Secondo autorevoli esperti di comunicazione culturale, il connubio tra immagini pittoriche in mostra virtuale e musica (chiamato da Sebastiano Occhino “Musical Art”) rappresenta una nuova dimensione artistica che colpisce contemporaneamente la vista e l’udito emozionando lo spettatore ed è un moderno approccio all’arte che ha lo scopo di facilitarne la conoscenza in chiave anche didattica. Anche in questa occasione sarà il pubblico che potrà scegliere i pittori da ammirare interagendo con il compositore durante lo spettacolo. Il nostro teatro – ha dichiarato il direttore artistico del Teatro La Condotta Michele Celeste, attore che ha recentemente fatto parte del cast della fiction RAI “La mafia uccide solo d’estate” – è sempre molto attento alle novità artistiche di qualità e dà molto spazio agli artisti siciliani. Ciò che mi ha maggiormente colpito del progetto di Sebastiano Occhino, oltre alla bellezza delle colonne sonore, il legame emozionale tra musica e colori, uno spettacolo di qualità assoluta”.

     

     

    Lascia un commento