La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Ancora tre mesi di commissariamento della Fondazione Kore….e poi?

    Pubblicato il febbraio 7th, 2017 Max Nessun commento

    da ViviEnna.it

    La Prefettura di Enna ha prorogato di altri tre mesi il commissariamento della Fondazione Kore. In attesa di comprendere se tale commissariamento sia finalizzato ad estinguere la struttura o a restituirla al socio unico fondatore rappresentato dal Consorzio Ennese Universitario, sarebbe utile conoscere, al netto dei procedimenti pendenti nelle giurisdizioni amministrative e penali, quanto pesa la sostenibilità finanziaria della medesima. Ne parliamo con Massimo Greco.

    Se la Fondazione Kore non riuscirà a dimostrare un’autonomia finanziaria tale da giustificare il raggiungimento degli scopi sociali cosa accadrà?

    La sostenibilità finanziaria è un requisito indispensabile delle Fondazioni sia private che pubbliche e quindi al venire meno di tale requisito viene meno la ragion d’essere delle Fondazioni medesime. Nel caso della Fondazione Kore vi sarebbe poi un problema sopravvenuto e cioè quello di rivalutare lo scopo sociale della Fondazione con la sostanziale emancipazione dell’Università.

    E quindi?

    Ancora prima di accertare la sostenibilità finanziaria sarà necessario verificare la sostenibilità istituzionale della Fondazione Kore. Le prerogative, ancorchè presenti nel nuovo statuto dell’Università Kore, non sembrano più attribuire alla Fondazione l’originaria funzione di motore politico e finanziario dell’ateneo. Se a questo si aggiunge che la Fondazione si era già emancipata anche dal suo socio unico fondatore (il CEU), mi chiedo quale possa essere il senso della sua permanenza.

    Eppure sotto il profilo finanziario la Fondazione Kore può ancora contare sul contributo straordinario di un milione di euro erogato dal Comune di Enna durante la fase del dissesto finanziario…

    Senza entrare nel merito dello specifico contributo, occorre evidenziare che se un ente locale non è tenuto al sistematico od occasionale ripiano delle perdite di una sua fondazione partecipata nella considerazione che la stessa deve essere in grado di far fronte con il proprio patrimonio a pena di estinzione o trasformazione, a maggior ragione un salvataggio del genere non sarebbe ipotizzabile allorquando la Fondazione non risulti espressione diretta dell’ente locale ma, come per il caso della Fondazione Kore, espressione indiretta. E’ infatti il Consorzio Ennese Universitario l’unico organismo partecipato dagli enti locali che non ne hanno deliberato la fuoriuscita.

    Lascia un commento