La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Ancora encomi per l’ennese Mario Termine

    Pubblicato il gennaio 23rd, 2009 Max Nessun commento

    di Luisa Gardali
    Tre giorni di lavoro, dal 14 al 18 gennaio 2009 tre il numero di scultori per ogni squadra, tre metri per tre le dimensioni dei cubi di neve da scolpire: questa la “regola del tre” che rimane valida anche per l’edizione 2009 presentata dal Comune sponsorizzata da Land Rover a Cortina dove le sculture di ghiaccio sono di casa. foto-articolo-cortinaLe 10 squadre  che si sono contese l’ambito premio provenienti, dal Galles, dalla Finlandia , dalla Yakutia (Russia) , dalla Romania, dalla Germania, dall’Australia, dal Canada, dalla Spagna e tre dall’Italia, sono state sottoposte alla valutazione della giuria di qualità e del pubblico e un premio speciale è stato quello offerto dalla Land Rover. Spettacolo assicurato per valligiani e turisti che passeggiando lungo il rinomato corso principale dello shopping si sono fermati ad ammirare gli artisti all’opera, proprio quando verso l’ora del tramonto, i riflessi rosa che avvolgono le Dolomiti, fanno sì che una scultura di neve può diventare un’esperienza da sogno. L’artista ennese Mario Termini invitato a partecipare si è cimentato per la prima volta con il ghiaccio,ottenendo il primo premio insieme alla sua squadra formata dal veneto Francesco Rugiero e dal piemontese Sisto Lombardo.-


    La tematica da svolgere erano gli animali e Mario Termini assieme alla squadra ha realizzato una gallina OGM: Ovvero il frutto della biogenetica esasperata, dove la cosa importante è produrre sempre di più, in una civiltà che non si accontenta mai e che ha perso di vista il rispetto per l’individuo e per la natura che lo ospita, a discapito della qualità della vita in tutte le sue forme. Tematica attualissima nelle sue forme scientifiche e sperimentali,dove attraverso sporadiche notizie assistiamo inermi a realizzazioni di prodotti modificati . Ma la ragione alla fine trionfa sull’esasperata corsa al guadagno e l’opera finita presenta un pulcino che a discapito della modifica genetica nasce dall’uovo senza modifiche, a dimostrazione del fatto che la natura prende il sopravvento! Manifestazioni come questa che,oltre ad arricchire i partecipanti visto lo scambio tra culture provenienti da Paesi diversi, fanno onore alle città organizzatrici consapevoli che in tutto ciò vi è un riscontro turistico,culturale,sociale e soprattutto dimostrano l’amore per l’arte qualsiasi sia l’elemento prescelto, naturalmente materia locale, è sempre arte e quindi civiltà.

    Lascia un commento