La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Allarmante aumento di tumori in provincia di Enna

    Pubblicato il settembre 3rd, 2007 Max Nessun commento

    di Sergio Trapani
    Da diversi anni si assiste ad un aumento esponenziale di casi di tumori in tutta la provincia di Enna. Non c’è persona con cui si parli che non racconti di una sua personale esperienza con questa malattia. Ormai siamo quasi ad una persona colpita ogni famiglia. Eppure attorno a questa problematica si registra un silenzio “assordante”. Silenzio da parte delle istituzioni. Mettiamo da parte Pasquasia e l’alone di mistero che gravita attorno a questa vicenda. Ma è ormai certo che qualcosa nel nostro territorio non và. Siamo una provincia che per la sua connotazione geofisica e per la sua storia è rimasta tagliata fuori dai processi di industrializzazione e dai suoi conseguenti inquinamenti. Per questo motivo la nostra provincia è una terra ancora vergine. Però è innegabile che il problema esiste.

    Ma nonostante tutto non si hanno traccia di registri dei tumori, di sati numerici che potrebbero tracciare una mappa dettagliata delle patologie presenti. E attorno al problema serio non un rappresentante politico (a parte Villarosa) sente il dovere di iniziare una battaglia che riesca a sensibilizzare l’intera opinione pubblica. Ogni anno si spendono centinaia di migliaia di euro in consulenze e incarichi che spesso non sono altro che restituzioni di favori o incomprensibili studi che non portano ad alcuna ricaduta positiva sul nostro territorio. Sarebbe invece opportuno incaricare un centro di studi e di ricerca specializzato,che in sinergia con gli operatori sanitari traccino una mappa dettagliata dell’espandersi delle patologie tumorali e soprattutto che spieghino alla popolazione se il nostro territorio risulta particolarmente inquinato da “qualcosa”. Questo blog è letto e partecipato da numerosi esponenti politici locali. Spero che possa crescere una maggiore sensibilizzazione politica di fronte a questa malattia che non risparmia ceti sociali e soprattutto colori politici.

    Lascia un commento