La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • A Troina il 5° Meeting internazionale per parlare di ritardo mentale e autismo

    Pubblicato il aprile 19th, 2009 Max Nessun commento

    di Ivan Scinardo
    Il centro congressi “La Cittadella dell’Oasi” di Troina, sede formativa dell’Istituto di Ricovero e Cura a carattere scientifico,  ha ospitato venerdì 17 e sabato 18 aprile  il quinto meeting internazionale sui riarrangiamenti criptici cromosomici nel ritardo mentale e nell’autismo (5th International Meeting on Cryptic Chromosomal Rearrangements in Mental Retardation and Autism).  Dopo i saluti iniziali da parte della S.I.G.U. (Dr.ssa Franca Dagna Bricarelli), dell’E.S.H.G. (Prof.ssa Alessandra Renieri) e dell’E.C.A. (Proff. Mariano Rocchi e Albert Schinzel), gli argomenti di quest’anno sono stati i modelli murini di disordini genomici, la variabilità genomica nella popolazione generale, in quella con ritardo mentale ed in quella con autismo, la diagnosi prenatale dei disordini genomici, le traslocazioni sbilanciate de novo, i nuovi fenotipi da microsbilanciamento e la sindrome di Williams. Relatori e moderatori confermati sono: Mariano Rocchi, Mara Dierssen, Don Conrad, Andy Sharp, Nicole de Leeuw, Frank Kooy, Orsetta Zuffardi, Sean Ennis, Alistair Pagnamenta, Brett Abrahams, Bruno Dallapiccola, Joris Vermeesch, Christine Eng, Albert Schinzel, Bert de Vries, Heather Mefford e Louis Perez-Jurado. Organizzatore dell’evento e coordinatore scientifico  è il Dr. Corrado Romano, direttore della U.O.C. di Pediatria e Genetica Medica, coordinatore del G.O.I.P. di Genetica Medica e vicedirettore del Dipartimento per il Ritardo Mentale presso l’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Oasi Maria SS. Da diversi anni all’Istituto troinese si lavora nel campo dei riarrangiamenti cromosomici criptici che sono quelli non visibili all’esame standard del cariotipo. La formula, ormai consolidata,  prevede la partecipazione diretta degli iscritti al meeting che avranno la possibilità di interagire con i relatori mediante tempi adeguati di formulazione di quesiti –


    diretti e di discussione e non avrà difficoltà di lingua perché, nonostante il carattere di internazionalità del congresso imponga l’uso della lingua inglese, avrà a disposizione la traduzione simultanea. La ricerca dell’IRCCS Oasi di Troina è da sempre finalizzata alla diretta e rapida trasferibilità dei risultati alla gestione clinica quotidiana della persona con disabilità. In tal senso, l’acquisizione di nuove tecniche di tipo genetico, neurofisiologico od abilitativo e lo sviluppo costante di competenze scientifiche di alto livello, dichiara il fondatore dell’Oasi padre Luigi Ferlauto, hanno aperto nuove possibilità diagnostiche e terapeutiche per la prevenzione e la cura delle persone afferenti al nostro IRCCS e per la loro qualità di vita, non solo nel corso della degenza, ma anche nel prosieguo della presa in carico, a domicilio. Ciò ha costituito, e costituirà sempre più nel futuro, con l’acquisizione di nuove e più moderne soluzioni, il valore aggiunto dell’attività dell’IRCCS di cui possono avvantaggiarsi le persone assistite e le loro famiglie le quali possono usufruire di un alto livello di prestazioni sanitarie senza dover ricorrere a strutture extraregionali.
    Per maggiori informazioni contattare la Segreteria della Direzione Scientifica dell’IRCCS Oasi, email: dir.scien@oasi.en.it Tel. 0935 936301)

    Lascia un commento