La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • A Kore studenti di serie A e di serie B

    Pubblicato il novembre 22nd, 2007 Max 4 commenti

    Uno studente deluso
    Eh sì, cari lettori. Ormai è nata Kore e non esiste, nelle menti elette di alcuni,
    nient’altro se non Kore stessa. E’ ormai noto che gli enti locali, primo fra tutti l’ente
    Provincia, sono stati sostituiti, tramite decreto imperiale emesso dagli uomini del
    centrosinistra ennese, dall’ateneo tanto discusso. Ma c’è una novità d’impatto: per gli
    amministratori della nostra università non esistono più neanche gli studenti o, per lo
    meno, esistono studenti universitari di Serie A e quelli di Serie B. Il caso degli
    studenti dei corsi di laurea decentrati è emblematico; a tratti drammatico se ipotizziamo il caso degli studenti iscritti alla facoltà di Scienze politiche di Palermo, decentramento
    ennese. I decentramenti delle Università di Catania e di Palermo a Enna, hanno
    rappresentato il viatico sulla base del cui successo è potuta poi sorgere la Kore, ed
    oggi sono totalmente abbandonati. Una cosa che vorrei fosse chiara però, è che
    queste realtà non vanno difese per riconoscenza o sudditanza, tutt’altro: esse vanno
    difese perchè va difesa, più in generale, la dignità degli studenti che li frequentano.
    Gli studenti del decentramento Palermitano in particolare stanno subendo un serie
    impressionante di disagi, per cui sono stati costretti, non formalmente ma
    sostanzialmente, a spostarsi verso Palermo in massa. Gli esami vanno tenuti per la
    maggior parte nella sede di Palermo, i ricevimenti dei Professori idem; è pure capitato che
    per avere i programmi delle materie afferenti il corso, studenti si siano dovuti spostare
    fino alla sede di Palermo. Non vengono più organizzati i seminari OBBLIGATORI,
    senza i quali non ci si può laureare. L’incertezza e l’approssimazione regnano
    sovrane. E allora, mi chiedo, perchè stare ad Enna e sentirsi studenti di serie B? I
    funzionari preposti traggano le loro conseguenze.

     

    4 responses to “A Kore studenti di serie A e di serie B” Icona RSS

    • Sono iscritto all’ultimo anno del corso di laurea di scienze dell’amministrazione di palermo. I disagi di cui parli li vivo anche io e gli altri miei colleghi. Mancanza di informazioni, a mio parere voluta. Mancanza di professionalità. Sino a poco tempo fa a tutti questi disagi si è ovviato grazie a due-tre persone di una gentilezza estrema che stavano in segreteria e che in qualche modo metabolizzavano i nostri problemi. Adesso questi ragazzi sono stati trasferiti all’Ersu della kore ed è buoi pesto. Non c’è alcun collegamento con palermo.Eppure il consorzio universitario mi sembra continui ad esistere e ad avere un consiglio di amministrazione che sicuramente non opera con volontà missionaria. Per fortuna dovrei uscire fuori da questa struttura al più presto. Perchè sinceramente lo schifo è veramente tanto.

    • Kore mio, Kore mio
      la speranza nun costa niente…

    • In effetti caro Sergio, bisognerebbe chiedere conto di tutto questo al Corsorzio ennese universitario… Mi sa che ce ne faremo carico al più presto!

    • l’unica cosa seria del centro-sinistra ennese è stata anche questa trasformata in una occasione di clientela politica e di probabile business, giocando con la cultura e con l’impegno finanziario di numerose famiglie che investono sul futuro dei propri figli, ignari che politici senza scrupoli se ne fregano dell’impegno finanziario delle famiglie e della professionalità che viene data ai laureandi Kore.
      la prova è nei Consigli di amministrazione che si sono succeduti nel tempo, senza distinzione di ideologia e di appartenenza politica. Mi chiedo, con tutto il rispetto per tutti, COSA CI FANNO NEL C.D.A. PERSONE SOLO DIPLOMATE O ADDIRITTURA CON LA LICENZA MEDIA?
      Propongo a questo blog di pubblicare tutti i cda che si sono succeduti da quando il Consorzio è nato!!!!!
      Se tanto mi da tanto, è chiaro che i disagi degli studenti sono evidenti, perchè parecchia gente che dovrebbe fare i loro interessi, non sa nemmeno cosa sia un corso di laurea.


    Lascia un commento