La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Il martirio di Santa Lucia e la riflessione sul Natale

    Pubblicato il dicembre 27th, 2008 Max 2 commenti

    di Ivan Scinardo
    La luce come  fondamento e guida dell’umano percorso,  dalla nascita al tramonto. La figura simbolo della luce è proprio Santa Lucia alla quale è stata dedicata una rappresentazione nell’ambito dei festeggiamenti natalizi ennesi.  Le immagini di San Bartolomeo e del Beato Girolamo De Angelis,  hanno fatto da cornice, nello splendido scenario della chiesa di San Bartolomeo, ad una serata che ha avuto momenti di intensa spiritualità. Su iniziativa dell’instancabile Gianni Riolo, dell’associazione onlus “Cultura e libertà”, è andato inscena il martirio della Santa di Siracusa.  Il parroco, padre Giacomo Zangara,  ha approfondito alcuni aspetti  storico–religiosi  che hanno indotto a comprendere  meglio il fascino del collegamento  fra Santa Lucia, commemorata  il 13 dicembre e la natività di Gesù,  la cui massima espressione  di guida spirituale si aggiunge  con la sua assunzione in cielo. “La novità della manifestazione spiega Riolo,  è stata quella di volere offrire  intensi messaggi non tanto  con l’entusiasmo oratorio quanto e soprattutto mediante  semplici e toccanti quadri  scenici che sono  entrati più direttamente nel cuore  dei numerosi partecipanti”. Alla manifestazione era presente anche una nutrita rappresentanza dei vigili del fuoco –


    e del volontariato civile.  Ha scandire ogni passaggio della scaletta,  l’insegnante Elsa Giunta,  che ha condotto con  garbo ed efficacia i vari momenti che hanno visto le testimonianze  di due donne, accomunate dallo stesso nome Lucia,  e delle poesie  scritte  e recitate dagli alunni  della quinta elementare  del plesso  scolastico “Fundrisi”  sotto la direzione della maestra Rita Cimino. Il martirio di Santa Lucia è stato caratterizzato anche da bei momenti lirici con il tenore Alfredo Buono  accompagnato dal maestro Salvatore Turrisi.   La parte scenica e teatrale  è stata curata  da Roberto Scinardo nell’insolita veste di Pascasio, prefetto romano incaricato da Diocleziano di combattere il cristianesimo. A interpretare  la Santa l’ennese Lucia Matta.  Narratore d’eccezione  Giacomo Scinardo Tenghi  con la sua penetrante e calda voce  ha fatto da sfondo al colloquio  che ha preceduto il martirio.  La serata si è conclusa con  un pensiero di pace di don Giacomo Zangara  e con un commosso  saluto augurale  di Silvana Sutera  che guida l’associazione organizzatrice.

     

    2 responses to “Il martirio di Santa Lucia e la riflessione sul Natale” Icona RSS

    • Per me che ho avuto modo di assistere è stata una emozione, soprattutto le commoventi poesie che i bimbi hanno scritto sul tema di Santa Lucia. E’ bello avere visto Enna in questo periodo risvegliarsi dal torpore culturale dando spazio al fiorire di piccole e grandi iniziative.
      Colgo l’occasione per augurare a Voi tutti un sereno Anno Nuovo!

    • io cercavo il modo in cui hanno ucciso la martire santa lucia per una ricerca,grazie comunque


    Lascia un commento