La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • “Volpoche” a Pergusa

    Pubblicato il ottobre 22nd, 2008 Max Nessun commento

    di Rosa Termine
    Ieri una diecina di Volpoche si crogiolavano al sole dentro le acque del Lago di Pergusa. Le Volpoche sono state molto apprezzate da un gruppo di studenti dell’Università di Perugia, in visita al lago per un approfondimento sulle aree umide, guidati dalla dott.ssa Rosa Termine, biologa dell’Università Kore di Enna. La Volpoca (Tadorna tadorna) è una specie appartenente alla famiglia degli Anatidi. E’ caratterizzata da una livrea, che sembra bianca e nera a distanza, e dalla mole che è vicina a quella di un’oca. Presenta testa e collo nero-verdi, contrastanti con il resto del corpo prevalentemente bianco; una larga striscia castana chiara colora la parte anteriore del corpo. Le zampe sono rosee e il becco è rosso che nel maschio diventa prominente per la presenza di un bitorzolo. Raggiunge una lunghezza di 67 cm ed un’apertura alare di 133 cm. E’ un uccello legato alle acque salmastre o salate; si ciba prevalentemente di invertebrati, specialmente insetti, molluschi e crostacei. Nidifica quasi esclusivamente in cavità e molto spesso utilizza le tane dei conigli.

    E’ una  specie migratrice parziale che durante il periodo della nidificazione ha una diffusione prevalentemente costiera nell’Europa nord-occidentale, mentre è prevalentemente continentale nella parte più meridionale del suo habitat (dal Mar Nero verso Est). Sverna in buon numero nelle stesse aree di nidificazione e nell’Unione Sovietica, Turchia, Iran e Nord Africa. In Italia è di passo scarso, ma abbastanza regolare, localmente e parzialmente invernale; nell’ultimo ventennio ha mostrato un sensibile incremento, colonizzando dal 1994 anche la Sicilia, dove è complessivamente in aumento; Nella nostra isola ha nidificato in provincia di Siracusa e Trapani e l’entità delle popolazioni nidificanti è passata da tre coppie nel primo anno ad un numero compreso tra 8 e 12 coppie negli ultimi anni. Chissà che non possa scegliere Pergusa per nidificare! Così come ha fatto l’Airone cenerino che ha scelto il nostro Lago nel marzo scorso per nidificare e i cui 4 nati ancora svolazzano tra le canne di Pergusa. Comunque non ci sono solo le volpoche a rendere questo lago più vitale che mai, infatti le anatre si contano a centinaia tra Mestoloni, Morette tabaccate, Canapiglie, Germani reali oltre che i rallidi come Folaghe, Gallinelle d’acqua e Polli sultani che ormai sono di casa. Tutta questa vitalità si manifesta nonostante le acque si siano abbassate di un metro dall’aprile scorso. Sono state soprattutto l’evaporazione estiva e la scarsità di piogge a determinare l’abbassamento del livello; questo che nel 2007 aveva raggiunto ad ottobre un minimo di 272 cm, quest’anno ha raggiunto i 210 centimetri nel punto più profondo. Ma già con le piogge degli scorsi giorni, con 6,6 mm di pioggia il 17 ottobre e 32,4 mm il 18 ottobre, il livello è risalito a 214 centimetri.

    Lascia un commento