La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • “La povertà non è vergogna…ma mancu un prio!”

    Pubblicato il ottobre 29th, 2008 Max 1 commento


    Creative Commons License photo credit: Franco Folini

    Giacomo Civiletti

     

    1 responses to ““La povertà non è vergogna…ma mancu un prio!”” Icona RSS

    • I nuovi poveri

      Parlare di povertà in un paese sviluppato come il nostro sembra forse un po’ “esagerato”, ma chi sono i poveri di “casa nostra”?

      Parlare di povertà evoca spesso scenari lontani, i paesi del Terzo Mondo, laddove fame, guerre, regimi, ingiustizie sociali e quant’altro, mietono migliaia di vittime.
      Parlare di povertà in un paese sviluppato come il nostro, nelle nostre città dove il benessere si vede e talora si ostenta, sembra un vocabolo forse un po’ “esagerato”, fuori luogo, parola che aveva senso usare magari nel dopoguerra ma non certo oggi. E se proprio dobbiamo usarla, facciamo riferimento a qualcosa di residuale, non certo per indicare l’immagine della nostra società.
      Già perché tutto, comunque, si misura in percentuali, anche i problemi; quanto più un problema riguarda una percentuale bassa rispetto al totale, tanto più diventa un problema secondario, insomma un problema di pochi.
      Torniamo alla povertà, quella di “casa nostra”; ma chi sono i poveri? Sono un problema così “grave”, nel senso letterale della parola, ha davvero un peso così rilevante?
      Cominciamo a dare un volto al problema e partiamo, come spesso si fa, dai “luoghi comuni”.
      La povertà che abita soprattutto le nostre città ha il volto dei barboni, dei mendicanti, dei clochard, di chi “si sente” non appartenere ad un sistema sociale e se ne tira fuori, anche fisicamente “scegliendo” le stelle come tetto. Insomma la povertà come “scelta di vita”; che dire, ognuno si assuma le proprie responsabilità. Ma come si anticipava siamo nel campo dei luoghi comuni; chi quotidianamente incontra il variegato mondo dei senza dimora e dei senza tetto sa bene quanto tutto ciò non corrisponda al vero: tante le ragioni per le quali si finisce “fuori”, tante ma non la “libera” scelta.

      Allarghiamo un po’ la visuale e scopriamo che per essere poveri non bisogna necessariamente trovarsi in mezzo ad una strada. Ed ecco tornare in gioco le cifre, le percentuali frutto di ricerche che indagano tra le pieghe della società usando la lente economica o quella sociale; e così si scopre che un certo numero di persone forse non si possono definire strettamente povere (le etichette si appiccicano sulla base di precisi parametri) ma sicuramente, come dire, “non se la passano bene!”.
      Allora è più opportuno usare altre definizioni, meglio adatte a descrivere quel senso di insicurezza e instabilità che rende sempre più sfumati i confini tra chi e sopra o sotto certe soglie, tra chi è “incluso” e chi è “escluso” dalla società; parole come vulnerabilità, precarietà, “nuove povertà”… Sì perché non è solo una questione di soldi a definire i confini. Si scopre una zona grigia sempre più ampia dove povertà è anche fragilità di relazioni, precarietà lavorativa, insicurezza sociale, inadeguatezza ad un sistema dominato dalla competitività e dalla produttività, malattia.
      I parametri, le soglie, le cifre, i sondaggi fanno sempre più fatica a tracciare il disegno. E così si scopre che se da un lato le disuguaglianze sociali si acutizzano (una fascia di ricchi che diventano sempre più ricchi e di poveri che diventano sempre più poveri), c’è tutta un’ampia “terra di mezzo” dove si rischia sempre più spesso di trovarsi, forse non ancora classificabili come poveri, ma indubbiamente in uno stato di insicurezza crescente reale e percepita.

      Di fronte a questo scenario si scopre allora che la povertà non è concetto spaziale e temporale da noi poi così remoto. Si scopre una povertà che abita le nostre città, il nostro quartiere, il nostro condominio, una povertà che ha un volto meno riconoscibile rispetto a certi clichè e forse proprio per questo ancor più “pericolosa” in quanto invisibile.
      La povertà non più solo come condizione economica oggettivamente misurabile, ma come senso di insicurezza, di instabilità. E’ come camminare su una fune, in equilibrio precario, con il timore di cadere e l’ancor più dolorosa paura di non trovare nulla e nessuno ad attutire il colpo. Anzi un senso di inadeguatezza e persino di vergogna che isola, emargina, ti fa sentire un peso. “Poveri equilibristi”, vite spese in uno sforzo costante per non precipitare, vite “sopravvissute”, vite dove c’è spazio solo per l’essenziale, per quello che permette di tirare a fine mese. Il resto è “un di più” destinato solo a chi “se lo può permettere”.

      A fronte di ciò l’equazione povero = “chi non ha” risulta quantomeno inadatta. Povertà è anche e, forse soprattutto, esclusione da un sistema sociale dove si vedono calpestati diritti di cittadinanza che dovrebbero essere irrinunciabili e strenuamente difesi, dove l’accessibilità agli stessi è talora resa impossibile, vite sospese tra diritti negati e reti di sostegno troppo spesso sfilacciate, dalle maglie sempre più larghe, frutto di mutamenti sociali che spezzettano la coesione delle comunità, ma anche di scelte politiche che intaccano e minano lo stato sociale.
      Decisioni politiche dunque che si giocano anche sul terreno della responsabilità morale ed etica laddove le scelte si intrecciano con i poteri forti che dettano legge, che costruiscono sistemi sociali sempre più dominati dal profitto, dalla competitività, sistemi sempre più “esclusivi” dove non c’è spazio per tutti. Ma non commettiamo il solito errore di pensare la responsabilità politica come questione che interroga solo i politici, le istituzioni.

      Tutti siamo responsabili della società che costruiamo o distruggiamo. Sono anche le scelte di vita di ciascuno a creare più o meno giustizia o ingiustizia sociale, terreno su cui le scelte della politica, della finanza, dell’economia possono o meno incidere, possono o meno indirizzarsi verso la giustizia sociale, la coesione, la moralità, oppure verso il profitto che non guarda in faccia a nessuno, l’individualismo, l’immoralità e l’ingiustizia. Non partire dal basso, dalla responsabilità individuale che si fa certo anche responsabilità collettiva, quando scegliamo i “nostri” rappresentanti politici, ma anche quando ci si pensa individui sì, ma in un contesto sociale che chiede relazioni, attenzione, sostegno di chi è in difficoltà, significa assumersi la responsabilità di lasciare le cose come stanno, di aderire solo formalmente a grandi slogan che invitano a sconfiggere la povertà, basta poco.


    Lascia un commento